Santo Loquasto, lo scenografo di Woody Allen, elogia le maestranze spoletine

Fervono i preparativi a meno di una settimana dall’apertura del 52° Festival dei 2 Mondi.

Giunto a Spoleto il 12 giugno Santo Loquasto, scenografo, costumista e designer statunitense che dal 1980 collabora con Woody Allen - “Crimini e Misfatti” (1989), “Hollywood Ending” (2002), “Anything Else” (2003) e “Melinda e Melinda” (2004) - sta finendo di preparare le scene per l’Opera “Gianni Schicchi” di Giacomo Puccini e regia di Woody Allen, che sarà presentata in prima europea al Teatro Nuovo nella serata inaugurale del Festival (venerdì 26 giugno, ore 21.30).

”In tanti anni di attività al cinema e in teatro, devo dire che raramente mi sono trovato a lavorare con professionisti preparati e puntuali come quelli che ho trovato qui a Spoleto”.

Con queste parole Santo Loquasto ha voluto elogiare personalmente la professionalità e la qualità del lavoro svolto, nelle operazioni di montaggio delle scene, dall’equipe di tecnici spoletini che lo sta affiancando in questi giorni.

Il progetto pronto a fine marzo (le scene sono state dimensionate in rapporto alle proporzioni del Teatro Nuovo, diverse rispetto a quelle del Los Angeles Opera) è stato predisposto nei primi giorni di aprile per permettere di definire i termini tecnici per la realizzazione materiale delle scene.

Altra nota di colore riguardante il Festival è l’arrivo a Spoleto, nella giornata di ieri, dell’Orchestra “Giuseppe Verdi” di Milano, una delle più rilevanti realtà sinfoniche presenti oggi in Italia. Composta da 70 elementi l’Orchestra, che sarà diretta nel Concerto Finale del 12 luglio in Piazza Duomo dal Direttore d’orchestra, pianista e organista Wayne Marshall, sarà a Spoleto durante tutti i 17 giorni di questa 52esima edizione del Festival dei 2 Mondi.